Gli italiani e lo sport estremi

lytt til italiensk

 

Vanskelighetsgrad: rosso

La passione per lo sport in Italia non si esaurisce con il calcio.

Ci sono tante discipline che si stanno diffondendo sempre di più, sono le esperienze più eccitanti dello sport estremo.

Alpinismo e arrampicata sportiva, parapendio e paracadutismo, sci-alpinismo e deltaplano. Ma anche kitesurf, snowboard, freeboard, torrentismo, hydro speed, rafting, kayak, taxi bob, snow rafting.

I termini citati sono spesso stranieri, ed indicano l’importazione di queste discipline da altri paesi, notoriamente più dediti all’avventura. Ma gli italiani non temono più di confrontarsi con queste specialità. Anzi: i neofiti di queste discipline hanno di fronte a sé tanti fulgidi esempi nostrani, personaggi che hanno raggiunto importanti risultati a livello mondiale e hanno portato il nome dell’Italia sul «tetto del mondo».

Basta citare Nives Meroi, la prima donna in assoluto nella storia dell’alpinismo a salire, in soli venti giorni, tre dei 14 ottomila della Terra (Gasherbrum II, Gasherbrum I, Broad Peak).

Un esempio indimenticabile è quello di Ambrogio Fogar, che ha collezionato esperienze nelle più disparate avventure. La circumnavigazione del globo in solitaria da est verso ovest con uno sloop, un tipo di barca a vela, la spedizione al polo nord in compagnia del suo cane husky Armaduk.

Fogar subì un terribile incidente nel 1992 in Turkmenistan durante il raid Parigi-Mosca-Pechino, rimanendo quasi completamente paralizzato. Ma anche questa disgrazia non riuscì a domare il suo spirito d’avventura: nel 1997, su una sedia a rotelle, partecipò al giro d’Italia in barca a vela. Un asteroide porta il suo nome, gliel’hanno dedicato gli astronomi che l’hanno scoperto, si chiama Ambrofogar Minor Planet 25301.

GLOSSARIO:

  • esaurisce = finisce.
  • discipline = attività.
  • parapendio = paraglider.
  • citati = nominati.
  • notoriamente = come si sa.
  • specialità = sport particolari.
  • neofiti = dilettanti.
  • fulgidi = splendenti.
  • nostrani = italiani, di casa
  • nostra.
  • ottomila = montagne alte piu’ di
  • 8000 metri.
  • disparate = diverse.
  • subì = subire.
  • riuscì = riuscire.
  • domare = controllare.
Advertisements